La Riflessologia plantare contro la Dermatite Atopica

Tre mesi fa è venuta da me una ragazzina di 11 anni, da quando aveva nove mesi soffriva di dermatite atopica, ha iniziato subito a   prendere farmaci, Gentalin, locoydon, e per vie orali gli Antistaminici.

006

005

Come ho detto altre volte la dermatite atopica è una malattia psicosomatica, dopo aver letto i lavori del dott. Geerd Hamer ho trovato interessanti le sue ricerche, quelle che lui chiama la nuova medicina, secondo cui una malattia che finisce in -ite si produce in seguito al risolversi di un conflitto biologico. Sostiene che non appena il conflitto viene risolto il corpo(per mezzo del cervello)  entra in fase di guarigione (vagotonia), in poche parole la malattia è una risposta del cervello ad un trauma che è in corso, capito il trauma che l’ha generata, la malattia scompare.

Il problema che aveva scaturito e aggravato la situazione di Rosa(nome immaginario) è la lontananza del padre e un conflitto con la madre. Purtroppo la madre oltre che prendere il posto del padre che lavora all’estero,  ha agito con la figlia, più come uomo che come donna e madre. Questo ha generato una confusione di ruoli e Rosa non sapeva più come relazionarsi con lei. Nel momento in cui si sono ristabiliti i ruoli, la dermatite su rosa è regredita. Trattando la paziente attraverso la Riflessologia plantare ho subito notato che la sua colorazione rossa accesa è diminuita di intensità con diminuzione del prurito.

037

038

Attraverso i punti riflessi del piede ho stimolato il surrene,l’ ipofisi, e mi sono soffermato su tutti i punti riflessi della testa oltre a lavorare le ghiandole endocrine e scaricare il linfatico. Questo è il risultato dopo due mesi di terapia. Posso dire ancora una volta che la Riflessologia plantare può essere un’opportunità per risolvere casi dove la medicina tradizionale non arriva.